Un riconoscimento semplice ma che nasce dal cuore.

La sua sapienza di donna ha amato e ben protetto i figli e l’illustre Ferruccio, con il quale alcuni di noi hanno cullato un sogno sportivo, da quel mondo del calcio così scintillante quanto instabile.

Ancora oggi, materializza un prorompente desiderio di vivere portando conforto e una parola dolce a chi, avanti negli anni, soffre di un’ingrata solitudine.

Un’opera di volontariato spontanea, convinta, con le fondamenta radicate sul più solido dei sentimenti: l’Amore.

Il Vicepresidente Vannucci ed il Consigliere Franceschini consegnano ad Anna Valcareggi accompagnata dal figlio Furio

Alcuni giovani imprenditori, innamorati del calcio e dei buoni sentimenti, decidono di associarsi per trasformare sudore e fatica in impegno sociale. Grazie al magico roteare di una palla, dedicano i proventi delle loro manifestazioni a varie organizzazioni non lucrative per una meritoria esigenza di fare del bene. Delegano a noi il compito di aiutare chi è quotidianamente afflitto da sofferenze e disagi.
Grazie a loro che, con forza e semplicità, si sono posti al servizio del prossimo.
I Consiglieri Iandelli e Mannelli consegnano a Roberto Boccacelli, Andrea Caporale ed un rappresentante della squadra

Un simbolo di Firenze, la Fortezza da Basso, messa più volte a disposizione per i nostri eventi col fine d’incentivare un’offerta di anonimi benefattori affascinati dal luogo e dagli intenti. Ambienti splendidi e ricchi di storia, concessi senza titubanza e con benevolenza, per fondersi nell’impegno benefico mirato soprattutto all’aiuto degli “Ultimi” della società.
Un connubio profondo che ci porta, unanimemente convinti, a dire con voce alta: GRAZIE!

I Consiglieri Iandelli e Fantechi consegnano a Diana Salvetti

Si può fare squadra e gruppo anche per il proprio campanile. Nell’ambito di varie parrocchie fiorentine, due personaggi d’altri tempi “inventano” un torneo di calcetto, con giocatori di ogni età, scandito dal suono di vecchie campane. Dove tutti sono protagonisti ma a vincere siamo noi gratificati nel ricevere una vera carità, frutto di una gabella imposta sul divertimento, presentata in una busta un po’ sgualcita ma ben chiusa, per non perdere neppure la più piccola moneta. Col fascino irresistibile delle cose semplici gestite con senso fraterno e di fratellanza.
A Mario e Francesco, amici di ieri ma, forse, da sempre.
Il Vicepresidente Vannucci ed il Consigliere De Caro consegnano a Mario Di Pirro

E’ stato un poderoso colpo di ruspa quello che ha abbattuto l’ipotetico muro fra la nostra proposta di un libro sulla multiforme storia dello stadio di Firenze e la loro repentina adozione quale strenna per i propri affiliati. Un appassionato impegno mirato a scambiarsi rilievi architettonici e fatti curiosi a fronte della sicurezza di ricevere linfa per il nostro fervore solidaristico.
Questa valente costruzione ha generato rispetto, amicizia e la gioia condivisa di portare un po’ di sollievo a chi, dalla vita, è stato demolito.
I Consiglieri Fagnoni e Bianchi consegnano a Riccardo Spagnoli e Boris Baldini

© Giglio Amico Onlus. All Rights Reserved.