Un riconoscimento semplice ma che nasce dal cuore.

La sua sapienza di donna ha amato e ben protetto i figli e l’illustre Ferruccio, con il quale alcuni di noi hanno cullato un sogno sportivo, da quel mondo del calcio così scintillante quanto instabile.

Ancora oggi, materializza un prorompente desiderio di vivere portando conforto e una parola dolce a chi, avanti negli anni, soffre di un’ingrata solitudine.

Un’opera di volontariato spontanea, convinta, con le fondamenta radicate sul più solido dei sentimenti: l’Amore.

Il Vicepresidente Vannucci ed il Consigliere Franceschini consegnano ad Anna Valcareggi accompagnata dal figlio Furio